Dott. Marco Schneider
Psicologo e Psicoterapeuta

quadro home     

 

Area adulti

Si può aiutare chi non vuole essere aiutato?

consulenza-psicologicaIntroduzione.

Spesso gli psicologi si trovano a ricevere richieste di aiuto che non provengono direttamente dalla persona interessata, ma da altri, come genitori, parenti o partner.

Ciò per esempio accade quando è un bambino o un adolescente a mostrare il disagio, o quando un membro di una coppia richiede un intervento psicologico per il partner (o ex partner), magari sperando così di veder cessare comportamenti negativi per sé, per la coppia o per i figli. 
Non sono infrequenti nemmeno le situazioni nelle quali è un familiare, per esempio un fratello o un genitore di una persona adulta, che contatta lo psicologo per chiedere un aiuto per il proprio caro.

La caratteristica che accomuna tutte queste situazioni è che di regola la persona interessata quasi mai sente una esigenza personale di

cura, oppure la sente, ma non per sé. Tipica è l’affermazione “non sono io che ho bisogno, ma tu. Curati tu!”.

Continua a leggere

Commenta l'articolo con il dott. Schneider

Form by ChronoForms - ChronoEngine.com

Dott. Schneider
L.go J.F. Kennedy 3, Rho (Mi)


© 2017 by Marco Schneider
Partita IVA: 03420510962